Ultima modifica: 8 novembre 2017
Istituto Comprensivo Nord 1 Brescia > Contesto socio – economico – culturale

Contesto socio – economico – culturale

L’Istituto Comprensivo Nord 1 di Brescia è la scuola dei quartieri Borgo Trento, S.Eustacchio, Casazza e San Bartolomeo.

È costituito da una scuola dell’infanzia, cinque scuole primarie e due scuole secondarie di primo grado:

  • Scuola dell’Infanzia Jan Piaget, Via Delle Tofane, 33 – Tel. 030397162
  • Scuola Primaria Battisti, Via Trento, 35 – Tel. 030304233
  • Scuola Primaria Casazza, Via Gadola, 18 – tel. 0302000207
  • Scuola Primaria Corridoni, Via S. Bartolomeo, 2 – Tel. 030302749
  • Scuola Primaria Melzi, Via Scuole, 39 – Tel. 0302002355
  • Scuola Primaria XXVIII Maggio, Via Zadei, 76 – Tel. 030/302739
  • Scuola secondaria di I grado Fermi, Via Montello, 3 – Tel. 030/396448
  • Scuola secondaria di I grado Lana, Via Zadei, 76 – Tel. 030/391780

 

Le scuole sono ubicate nella zona Nord -Ovest della città.

Il territorio è molto ampio e caratterizzato dalla presenza di zone verdi e/o alberate, parti più urbanizzate, ma in generale in un contesto tranquillo e residenziale.

Comprende quartieri con caratteristiche differenti: da Borgo Trento, il quartiere più vicino al centro storico, che si connota come borgo antico, passando per la zona di via Veneto, ricca di esercizi commerciali, da S.Eustacchio, fino al limite settentrionale del Comune con i quartieri S. Bartolomeo e Casazza, zone popolari, dotate di infrastrutture di socializzazione, unite al Centro storico dalla recente metropolitana.

Il contesto sociale in cui la nostra scuola svolge oggi la sua azione educativa è stato attraversato negli ultimi anni da profondi cambiamenti, e dalle difficoltà legate alla crisi generale del sistema economico- finanziario che ha caratterizzato il Paese in questo periodo.

I movimenti migratori, l’innalzamento dell’età media dei residenti nel territorio, la disoccupazione sono alcune delle voci che hanno comportato una seria riflessione sulla complessità della dimensione educativa che chiama in causa la scuola e le agenzie educative del territorio.

La maggior parte degli alunni che frequentano le scuole dell’Istituto proviene dai quartieri in cui sono inserite, ma anche dal centro storico, dai quartieri limitrofi e da fuori città.

Significativa è la presenza di famiglie provenienti da altri Paesi; la maggior parte dei bambini e dei ragazzi di queste famiglie è nata a Brescia e risulta ben integrata nella comunità scolastica.

Costituiscono risorse formative di riferimento per le scuole dell’Istituto i C.A.G. e gli oratori di Cristo Re, della Pavoniana, di San Bartolomeo, di San Barnaba e di Casazza, strutturalmente ben attrezzati e promotori, oltre che di attività ludiche e ricreative, di corsi pomeridiani di assistenza allo studio, di iniziative culturali e di campi estivi.

L’amministrazione del Comune di Brescia, i Consigli di Quartiere, l’Università e alcuni Istituti Superiori collaborano con la scuola, promuovendo progetti per l’integrazione, l’inclusione, la lotta alla dispersione scolastica, l’ampliamento dell’offerta formativa e l’orientamento.

Il lavoro in rete con questi attori sociali consente di operare nel territorio per la costituzione di una comunità educante.

Sono, inoltre, presenti sul territorio infrastrutture e servizi che costituiscono risorse per il lavoro educativo: il Museo di Scienze Naturali, il Museo del Ferro, le librerie (La Libreria dei Ragazzi, Librelma) e le biblioteca del quartiere Casazza, e Villaggio Prealpino che promuovono percorsi di promozione della lettura, centri sociali (si veda ad es. il centro sociale del quartiere Casazza), i teatri (Pavoniana e Casazza), le strutture sportive (palestre, scuole calcio e piscine) e molti esercizi commerciali storici e di nuova apertura ed aziende con diverse attività produttive, manufatturiere e artigianali che collaborano con le scuole per la promozione di percorsi educativi (ad es. percorsi di educazione alimentare e di consapevolezza ecologica).

La vicinanza al centro storico, con l’area archeologica e il Museo di Santa Giulia, Patrimonio dell’UNESCO, favorisce la promozione di forme di apprendimento significativo.

E’ presente, all’interno dell’Istituto, l’Associazione dei Genitori, che riunisce i Comitati genitori attivi nelle varie scuole: essa dimostra sensibilità ai problemi scolastici, collabora al buon funzionamento della scuola, è parte attiva nell’organizzazione e nel sostegno di molteplici iniziative.

La scuola interviene con una proposta formativa promossa, coordinata e integrata nel territorio, del quale rileva e valorizza le risorse positive e alle quali attinge per rispondere sempre meglio alle nuove domande educative.




I cookie ci aiutano a migliorare il sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi